Analisi Greenpeace sui PFAS. A Sarego valori inferiori a comuni lontani dalla zona rossa

É stata finalmente pubblicata la relazione di Greenpeace riguardante i risultati delle analisi sui PFAS effettuate nell’acqua di rete in diversi comuni veneti.

L’Amministrazione M5s di Sarego ha aderito senza indugio all’iniziativa di Greenpeace e nella massima trasparenza ha consentito di prelevare l’acqua dai rubinetti delle scuole per le opportune analisi.

I risultati hanno evidenziato che l’acqua dell’acquedotto di Sarego raggiunge valori di PFAS equiparabili, ed a volte inferiori a quelli di comuni lontani dalla zona rossa.
L’impegno del Comune e del gestore nel circoscrivere questa grave contaminazione viene quindi confermato anche da un ente terzo come Greenpeace.

Il Comune di Sarego, pur essendo tra quelli con i valori più alti di PFAS presenti in falda, grazie agli importanti interventi realizzati dal gestore sulla rete e sui sistemi di filtraggio, è riuscito a garantire progressivamente questo risultato senza aumentare i costi del servizio.
Leggiamo invece su un quotidiano locale di oggi che per altri comuni limitrofi sono previsti aumenti tariffari.

Seppur l’acqua sia considerata potabile in tutti i Comuni coinvolti dalle analisi, valori più bassi di PFAS e tariffe inalterate confermano l’ attento lavoro portato avanti in questi ultimi anni dall’Amministrazione M5s di Sarego.

Questi importanti risultati non fermeranno la battaglia che fin dall’inizio si è intrapreso: la ricerca di fonti di approvvigionamento alternative facendo ricadere i costi su chi è responsabile di questo inquinamento.

Per una migliore comprensione abbiamo estrapolato alcuni dati e riassunti nel grafico.

Movimento 5 stelle
Sarego

Lascia un commento